Le Rassegne Teatrali inclusive in Provincia di Torino

Rassegne teatrali inclusive a Torino

Il Teatro deve essere, per forza, inclusivo. A nessuno può essere negato quel senso di estraneità dal reale donato dall’esperienza teatrale. Ecco le rassegne teatrali inclusive a Torino e provincia.

Teatro inclusivo è quello che propone spettacoli che soddisfano esigenze speciali, quello che parla di queste esigenze, oppure, ancora, quello in grado di accogliere tutti, indipendentemente dall’evento in sè.

Il Teatro per famiglie a Torino e provincia

Parlare di teatro per famiglie a Torino fa, immediatamente scattare l’associazione a La Casa Del Teatro Ragazzi e Giovani di Torino che, da anni è ormai indiscussa capitale piemontese per le famiglie ed i ragazzi appassionati di Teatro. Due le rassegne in programma per il 2020, una dedicata alle famiglie, con tantissimi spettacoli in orario pomeridiano, suddivisi per fascia di età consigliata, dai 3 anni in su; l’altra, pensata per far appassionare anche i ragazzi un po’ più grandi.
Forse, non tutti sanno che Il Teatro Regio di Torino propone tantissime iniziative per le famiglie , tra spettacoli pomeridiani e laboratori per i bambini e ragazzi, finalizzati alla conoscenza del teatro da vari punti di vista.
Altro ricco programma di appuntamenti a teatro per bambini è quello di Alfateatro.

Anche fuori Torino non mancano gli appuntamenti per passare del tempo di qualità tutti insieme:

  • RassegnaT Family: è la mini rassegna teatrale per famiglie in Val di Susa, proposta  dal Teatro di Caselette che ha, come prossimo appuntamento, quello con “Il Giro del Mondo il 80 Giorni”, fissato, per il 22 Marzo, con tutte le famiglie.
  • Borgate dal Vivo: promotrice di Cinemability, nei programmi delle sue rassegne teatrali, organizzate ad Avigliana, Bussoleno e Rivalta, sono sempre presenti spettacoli per famiglie. Non perdeteli!

Il fatto stesso di organizzare rassegne teatrali di alta qualità fuori città è, di per sè, un fatto inclusivo, perchè a chi non può allontanarsi da casa di coltivare comunque la propria passione. Va detto, inoltre,  che, in genere, gli spettacoli per famiglie, per la loro delicatezza e semplicità, vanno incontro alle esigenze di persone con disabilità cognitiva, anche se molto dipende dalle loro preferenze.

Quando il Teatro racconta la diversità

Questo 2020 ha già regalato molte occasioni di assistere al racconto della disabilità tramite il Teatro.  Superabile, inserito nella Rassegna Camelontika , del Teatro di Almese, ha consentito ad alcuni ragazzi con disabilità di raccontarsi.
Sempre a inizio anno, Pesce D’Aprile è stato lo spettacolo autobiografico in cui Cesare Bocci, al Teatro Gioiello, ha interpretato la storia della sua vita accanto alla moglie con disabilità acquista.
Un’altra occasione per lasciarsi sfiorare dal tema della disabilità? Tenere d’occhio il calendario di Faber Teater, per non perdere spettacoli come “Non ti Vedo, Non mi Vedi”,  che invita bambini e ragazzi a riflettere sul tema delle diversità, o “Normale Sarai Tu!” che offre una prospettiva per parlare di disabilità con i bambini.

Il Teatro accessibile a Torino con Cityfriend

Il Citifriend è una figura che rende accessibile qualsiasi esperienza. Crediamo che non solo il turismo in senso stretto debba essere inclusivo ma che lo debba essere anche la fruizione delle proprie passioni. Alcuni teatri hanno già pensato al Cityfriend come figura indispensabile nel processo di accoglienza degli spettatori.

Se ami il teatro e cerchi qualcuno che, oltre a facilitare la tua esperienza, condivida la tua stessa passione, cerca il Cityfriend giusto per te: cityfriend.it